LA NOSTRA IDEA DI COOPERATIVA

  • Prezzi di assegnazione decisamente inferiori ai costi di mercato.
  • Riduzione al minimo del rischio nell'investimento iniziale (500,00 €)
  • Costi aggiuntivi trasparenti e preventivabili.
  • Professionalità multiple al servizio dei soci.
  • Potere decisionale nelle mani di un consiglio di amministrazione costituito sopratutto da soci effettivamente assegnatari.

LA PRE-ADESIONE alla cooperativa

ProAB sta procedendo alla raccolta di manifestazioni di interesse legate alla assunzione della qualifica di SOCIO con riferimento alla Cooperativa edilizia TORRI BIANCHE, che andrà a realizzare ed assegnare, n. 84 unità immobiliari nella zona di PORTA A MARE – PISA.

Ogni prenotazione socio sarà abbinata alla prenotazione di un immobile individuato su carta.  Al momento della scelta, infatti, verrà proposto in sottoscrizione un modulo di di adesione e prenotazione immobiliare che conterrà il regolamento e lo statuto della cooperativa, eventualmente in bozza se l’adesione avverrà prima della costituzione della cooperativa stessa, e la planimetria dell’immobile scelto, con annesse pertinenze.

La domanda di adesione verrà assistita dalla consegna di numero 2 assegni, uno di euro 500 a titolo di capitale sociale che verrà incassato dalla Cooperativa appena si costituirà; il secondo di euro 5.000 oltre iva a titolo di prima anticipazione finanziaria che verrà incassato dalla stessa Cooperativa, salvo diversa decisione dell’assemblea, soltanto al raggiungimento del 60% delle prenotazioni.

Nessun costo sarà versato dall’aspirante socio a ProAB né alle eventuali agenzie immobiliari di cui ProAb potrà avvalersi.

La società promotrice, impegnata nella valorizzazione dell'intervento, ha sottoscritto una opzione sull'acquisto del terreno e passerà tutte le pre-adesioni raccolte al consiglio di Amministrazione della Cooperativa. Il C.D.A. della cooperativa delibererà sull'ammissione del socio, iscrivendo il nominativo sul relativo libro sociale e portando all'incasso il primo assegno da 500,00 €.

Domande frequenti

<< Vi sono requisiti particolari per diventare socio?>>  

No. La Cooperativa è aperta a chiunque e non esiste convenzionale sociale che stabilisca requisiti specifici per gli acquirenti. Tuttavia, ai fini della ammissione al socio, il CDA si riserva una valutazione in ordine ai redditi del richiedente, per garantire la sostenibilità dell’operazione.

<< Come avvengono i pagamenti in corso di opera?>>

In seguito alla ammissione a libro soci da parte del CDA, questo ultimo, verificato il raggiungimento del 60% delle adesioni, nel minimo, incasserà l’assegno di euro 5.000 oltre iva consegnato al momento della pre-adesione. Tale somma costituisce un acconto sulla anticipazione finanziaria obbligatoria che è pari al 25% del prezzo dell’unità prenotata, percentuale che ciascun socio deciderà come versare, nel corso dell’intera realizzazione fino all’atto di assegnazione, con una programmazione finanziaria effettuata insieme ai professionisti della Cooperativa. Per la parte che il socio non verserà in contanti, accederà al mutuo edilizio contratto dalla Cooperativa e dovrà versare pro-quota gli interessi proporzionali alla cifra beneficiata.

<<Se prima del raggiungimento del 60% cambio idea posso recedere? >>

Qualora il richiedente intenda ritirarsi prima della sua ammissione formale come socio da parte del Consiglio di Amministrazione, potrà farlo pagando una penale di euro 300 alla società promotrice, la quale, contestualmente, procederà  alla restituzione degli assegni a corredo della domanda di adesione. Qualora invece il socio intenda recedere successivamente alla assunzione della qualità di socio, il regolamento della Cooperativa disciplina le modalità di recesso.

<< Una volta entrato a far parte della Cooperativa, posso decidere di vendere la quota?>>

Il recesso dalla cooperativa è libero e può essere esercitato in qualunque momento previo pagamento di euro 5.000,00 quale costo della pratica di recesso necessaria a coprire le spese fino alla sostituzione con altro socio. Tutto ciò che il socio ha versato a titolo di anticipazioni finanziarie verrà restituito previa compensazione con gli eventuali debiti che lo stesso abbia nei confronti della cooperativa.

<<Perché è necessario raggiungere la quota del 60%?>>

La quota del 60% di soci è necessaria affinché la cooperativa possa  accedere al finanziamento da parte della banca che verrà scelta come mutuante. La Cooperativa, infatti, stipulerà un mutuo edilizio, con garanzia fideiussoria dei soci, grazie al quale poter coprire i costi  dell’intero intervento. Una volta raggiunta la soglia del 60% l’intervento è finanziariamente fattibile dall’inizio alla fine anche nel caso in cui le restanti unità restassero invendute. La soglia del 60%, dunque, è una garanzia per i richiedenti soci, e per la tutela del loro investimento.

<< Qual è la convenienza e quale il rischio che potrei correre?>>

La Cooperativa, in quanto ente mutualistico, non opera per fini di lucro.  Ciò le consente di realizzare ed assegnare immobili a prezzi decisamente più bassi di quelli di mercato. Di contro trattasi di acquisti su progetto, con la conseguenza che il socio dovrà attendere la realizzazione di detti immobili  e, prima ancora, il rilascio dei titoli abilitativi, ossia del permesso a costruire. Ciò tuttavia consente una possibilità di personalizzazione, che è ovviamente impossibile in caso di immobili già realizzati. D’altro canto la partecipazione attiva alla Cooperativa, diversamente dall’acquisto da costruttore, consente di seguire più da vicino la realizzazione delle unità ed esprimersi in merito a scelte relative all’intero complesso. Nello schema di cooperativa proposto, il rischio è davvero contenuto: l’eventuale perdita è di 500 euro nel caso in cui la Cooperativa, pur costituita, non giunga al 60% delle unità prenotate il Consiglio di Amministrazione è a 5 o 3  membri prevalentemente interni, ossia formato anche da soci effettivi assegnatari delle unità. Ciò garantisce una perfetta corrispondenza di interessi, oltre che una maggiore trasparenza.

<< Quali sono gli obblighi che si assumono con la qualità di socio?>>

Lo Status di socio è delineato dallo Statuto e dal regolamento della Cooperativa. Il socio è parte integrante della Cooperativa e partecipa a tutte le decisioni di maggior interesse. Ha il diritto ad essere informato. Ha il diritto e l’obbligo di partecipare alle assemblee, il divieto di assumere condotte contrarie all’interesse sociale; può anche presentare la propria candidatura per entrare a far parte del Consiglio di Amministrazione. Esprime il proprio voto ogni qualvolta l’assemblea si riunisce per deliberare (es per il bilancio). Il socio ha l’obbligo di conferire in cooperativa, con tempi e modalità da programmarsi caso per caso, almeno, il 25% del costo complessivo dell’immobile prenotato; ha l’obbligo di partecipare ai costi indicati nel regolamento (es. polizze, quota allacci; oneri cooperativa); ha l’obbligo di prestare fideiussione a garanzia del mutuo edilizio. Il socio ha diritto all’assistenza fiscale e legale per le questioni che concernono la cooperativa. Il socio è altresì tutelato dal Collegio dei Revisori: un organo di garanzia che, proprio in nome e per conto dei soci, verifica i bilanci, tutti i documenti della Cooperativa ed i libri sociali (dei verbali del CDA e dei verbali delle assemblee) ed al quale il singolo socio può rivolgersi direttamente.

<<Come e con che costi potrò personalizzare l’alloggio? >>

Le così dette personalizzazioni architettoniche degli alloggi sono gratuite fino al deposito del permesso a costruire. Una squadra di tecnici sarà a completa disposizione per modificare la distribuzione interna delle unità, salvo vincoli derivanti da scelte strutturali ed impiantistiche dei progettisti, e per implementazioni degli impianti.  Saranno invece a carico del socio gli oneri professionali per modifiche successive al deposito del permesso a costruire.

Il socio potrà altresì scegliere le rifiniture interne degli alloggi (pavimenti, rivestimenti, sanitari, porte ecc) all’interno di una vasta gamma di materiali messa a disposizione. Sarà così possibile scegliere tra diversi capitolati con prezzi a corpo determinati e chiari sin dall’inizio.

<< Quali sono i tempi stimati e gli step?>>

La Cooperativa, una volta costituita, e raggiunto il numero di soci necessario alla finanziabilità dell’opera, procederà con la stipula del mutuo edilizio e, quindi con l’acquisto del terreno contestualmente al deposito dell’istanza per il ritiro del permesso a costruire. Tale fase è preventivabile in mesi 6 dal raggiungimento della soglia del 60%. Una volta ritirato il titolo abilitativo, il tempo stimato dall’inizio lavori alla fine della costruzione è di 24 mesi, oltre altri 2 mesi per definire accolli e assegnazioni.